Ciao “Ciccio”

Anche il cielo piange come noi per il grande “Ciccio”, i nostri allenamenti non saranno più gli stessi senza te ma… sempre .

da “Il Centro”

PESCARA. Una tragedia nel sonno, nel cuore della notte. E nel silenzio. Se n’è andato così questa notte a 48 anni un dirigente sindacale e dipendente dell’Anas, Marco Ammanniti, ex giocatore e grande appassionato di rugby dell’Aquila (prima con il Cus poi con la società neroverde entrando anche nella nazionale giovanile).

Ammaniti si era trasferito a Pescara dopo il terremoto del 2009 e anche qui aveva continuato la sua passione sportiva collaborando con il Pescara rugby.  Questa notte è stato tradito dal cuore nonostante da qualche tempo avesse cominciato a tenerlo sotto controllo per via di qualche problemino. Lascia la mamma, la sorella e un gran numero di amici a dimostrazione della sua affabilità. “Lo ricordiamo tutti come una persona disponibile sia nei momenti di crisi sia nei momenti di gioia, ora intorno a noi c’è una grande vuoto”, spiegano ancora increduli della sua morte. Un malore che si è trasformato in dramma nella casa di Pescara dove Ammanniti viveva con la sua compagna. La salma viene trasferita all’Aquila per la camera ardente allestita nella casa di famiglia a Santa Barbara. Domani i funerali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *